Asportazione di neoformazioni cutanee, verruche e cisti sebacee
15729
page-template-default,page,page-id-15729,bridge-core-2.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-19.3,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive,elementor-default
 

Asportazione di neoformazioni cutanee, verruche e cisti sebacee

 

L’asportazione chirurgica di una neoformazione cutanea permette, oltre alla eliminazione della lesione stessa, una diagnosi certa attraverso l’esame istologico della lesione stessa.

Generalmente è possibile effettuare un’asportazione (escissione) e sutura diretta, possibilmente intradermica cioè senza punti esterni; tuttavia, per neoformazioni più grandi o in sedi particolari può essere necessario applicare punti di sutura esterni o eseguire piccoli lembi cutanei.

Talvolta è possibile asportare dei nevi anche solo per finalità estetiche.

Ovviamente ad ogni asportazione chirurgica residuerà sempre, anche se spesso poco visibile, una piccola cicatrice; perciò va sempre valutato e chiarito, prima di asportare una lesione cutanea benigna, il reale vantaggio che si potrà ottenere con il piccolo intervento.

 

L’asportazione chirurgica è semplice, veloce, ed eseguibile in anestesia locale, tramite una semplice incisione a losanga e successiva sutura che lascia una sottile cicatrice normalmente poco visibile.

Il tessuto asportato può essere quindi sottoposto a esame istologico.

 

I punti di sutura vengono in genere rimossi dopo 7-10 giorni.

 

Nel post-operatorio è indispensabile non esporre la zona al sole per almeno due mesi.

Solitamente si può tornare immediatamente alle normali attività. E’ necessario riposo solo in caso di asportazione di lesioni estese o in sedi particolari (piedi, dorso,..)

 

 

 

Call Now Button
×