Mentoplastica
106
page-template-default,page,page-id-106,bridge-core-2.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-19.3,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive,elementor-default
 

Mentoplastica

Modellare il mento con la chirurgia estetica

Il modellamento della mandibola, nella zona del mento, rientra di norma in un ambito di ritocco completo del profilo, perciò è in genere associato con la rinoplastica.

Questo tipo di intervento può avere come fine l’aumento o la riduzione della sporgenza del mento, in armonia con gli altri piani del viso, quindi con la fronte e la sporgenza della piramide nasale.

L’intervento di mentoplastica additiva si ottiene con l’inserimento di una protesi in silicone piuttosto rigida in corrispondenza dell’osso mentoniero. Nessuna cicatrice o segno esterno tradisce la sua presenza. Nel caso inverso, per la riduzione del mento, viene ritoccata la sporgenza dell’osso e anche in questo caso esternamente non sarà visibile alcuna incisione.

I benefici della mentoplastica

Il mento non è di per sé un elemento focale del viso, ma se presenta qualche evidente dissonanza con il resto del viso, immediatamente cattura l’attenzione. È il caso sia di mento sporgente che, al contrario, eccessivamente sfuggente. In entrambe le situazioni l’armonia del profilo è scombinata e un’azione mirata su naso (rinoplastica) e mento (mentoplastica) riporta facilmente proporzione tra i piani del viso (frante, naso, mento).

×